Sede legale: Via Portici, 41 – 39100 BOLZANO

Sede amministrativa: Via Argentieri, 21 – 39100 BOLZANO

P.IVA: 02968390217

Trib.-BZ reg. soc.: BZ-2017-37089 CCIAA BZ: 220721

Cap. int. vers.: 100.000 Euro

Soggetto giuridico: AT-touristik Srl

Socio unico: Athesia Spa

 

CONDIZIONI GENERALI

Egregio cliente,

di seguito vengono riportate le condizioni generali, le quali regolano il rapporto contrattuale da Lei stipulato con „aveo tours“, quale organizzatore di un pacchetto turistico definito ai sensi del punto c) dell’art. 33 del Codice del Turismo

1 Informazione obbligatoria – scheda tecnica

1.1         Organizzazione tecnica: aveo tours di AT-touristik Srl – Via Argentieri, 21 – 39100 BOLZANO

1.2         Autorizzazione amministrativa: Licenza Provincia Autonoma di Bolzano Prot. N. 35.4/HH/KW

1.3         Polizza RC Prof. ADV/TO Viaggi n. 110557816 UNIPOLSAI ASSICURAZIONE SPA

1.4         Polizza Insolvenza e Fallimento: Fondo di Garanzia di Garanzia Viaggi Srl – Certificato W/1.40511/14/2021

1.5         La valuta applicata è l’Euro.

1.6         Le modalità e le condizioni per una eventuale sostituzione del partecipante/turista sono disciplinate all’articolo 38 del CdT.

1.7         Validità del catalogo: 01.01.2021 – 31.08.2021

2             Prenotazione, conferma

2.1         Con la prenotazione il turista propone all’organizzatore la conclusione del contratto di pacchetto turistico. L’accettazione della proposta di compravendita del pacchetto turistico si intende perfezionata, con conseguente conclusione del contratto, solo nel momento in cui l’organizzatore invierà relativa conferma, anche a mezzo sistema telematico, al viaggiatore presso l’Agenzia di Viaggi venditrice, che ne curerà la consegna al viaggiatore medesimo.

2.2         Le indicazioni obbligatorie relative al pacchetto turistico non contenute nei documenti contrattuali, negli opuscoli, ovvero in altri mezzi di comunicazione scritta, saranno fornite dall’organizzatore prima dell’inizio del viaggio.

2.3         Il soggetto che sottoscrive la prenotazione di viaggio risponde in prima persona per l’adempimento degli obblighi assunti con la prenotazione anche con riguardo agli altri partecipanti; e ciò anche con riguardo alla correttezza dei dati dei partecipanti stessi.

2.4         Le richieste specifiche sulle modalità di erogazione e/o di esecuzione di taluni servizi facenti parte del pacchetto turistico, compresa la necessità di ausilio in aeroporto per persone con ridotta mobilità, la richiesta di pasti speciali a bordo o nella località di soggiorno, dovranno essere avanzate al momento della prenotazione e risultare da specifico accordo scritto tra Viaggiatore ed Organizzatore per il tramite dell’Agenzia di Viaggi mandataria. Il Viaggiatore risponde sulla correttezza e completezza degli appunti scritti.

2.5         In caso di prenotazioni/contratti conclusi fuori dei locali commerciali, il viaggiatore ha diritto di recedere dalla prenotazione/contratto di pacchetto turistico entro cinque giorni dalla data della prenotazione/contratto o dalla data in cui riceve le condizioni contrattuali e le informazioni preliminari se successiva, senza penali e senza fornire alcuna motivazione. Nel caso di offerte con tariffe sensibilmente ridotte rispetto alle offerte correnti il diritto di recesso è escluso. In tale ultimo caso, l’organizzatore documenta la variazione di prezzo evidenziando adeguatamente l’esclusione del diritto di recesso (art. 41, comma 7, CdT).

3             Numero minimo di partecipanti

Qualora nel programma sia previsto un numero minimo di partecipanti per l’esecuzione del viaggio e tale numero minimo non venga raggiunto, l’organizzatore può recedere dal contratto nel termine di 20 giorni prima dell’inizio del pacchetto in caso di viaggi che durano più di 6 giorni, di 7 giorni prima dell’inizio del pacchetto in caso di viaggi che durano tra 2 e 6 giorni, di 48 ore prima dell’inizio del pacchetto nel caso di viaggi che durano meno di 2 giorni. In tal caso viene restituita esclusivamente la somma già versata per il pacchetto come previsto dall’art. 41 CdT. Qualora invece il viaggio dovesse essere eseguito anche senza il raggiungimento del numero minimo, lo stesso potrebbe subire variazioni sia di prezzo, che di prestazioni; in tal caso si applica l’art. 40 del CdT.

4             Pagamenti

4.1         All’atto della prenotazione sono di regola dovuti l’importo pari al 30% della somma indicata per il viaggio intero.

4.2         Il saldo è dovuto prima della consegna dei documenti di viaggio o entro il termine stabilito nella conferma di prenotazione del pacchetto turistico.

4.3         In caso di mancato pagamento degli importi entro le scadenze qui sopra stabilite, l’organizzatore ha la facoltà di non accettare la prenotazione ovvero recedere dal contratto con richiesta di risarcimento per i danni con semplice comunicazione scritta o via e-mail, presso l’Agenzia venditrice, o presso il domicilio del viaggiatore. Fino a quando i partecipanti al viaggio non versano il saldo del viaggio l’organizzatore ha la facoltà di trattenere i documenti di viaggio.

5             Prestazioni e prezzo

5.1         Tutte le prestazioni comprese nel prezzo sono elencate nel programma e/o nell’accettazione della prenotazione. Tutte le prestazioni indicate nel programma e/o nell’ accettazione sono in linea di principio impegnative per l’organizzatore. Prima dell’accettazione della prenotazione l’organizzatore ha la facoltà di variare le prestazioni, informando il viaggiatore.

5.2         Riduzione del prezzo per bambini: tali riduzioni sono specificate nel programma. A tal fine conta l’età al momento dell’inizio del viaggio. All’atto della prenotazione devono essere indicati il numero e l’età dei bambini. Bambini al di sotto dei due anni non hanno diritto a un proprio posto nell’aereo. In caso di erronea indicazione dell’età dei bambini l’organizzatore ha il diritto di richiedere la differenza del prezzo oltre a 30 Euro a titolo di rimborso spese.

6             Variazione delle prestazioni e del prezzo

6.1         I prezzi del pacchetto turistico possono subire variazioni anche dopo la conclusione del contratto di viaggio.

6.2         Dopo la conclusione del contratto di pacchetto turistico, il prezzo del pacchetto turistico può essere aumentato unilateralmente dall’Organizzatore nel limite massimo dell’8% del prezzo complessivo. Tale aumento deve essere comunicato almeno 20 giorni prima dell’inizio del pacchetto. Nel caso di diminuzione dei costi, il viaggiatore ha diritto ad una riduzione del prezzo.

6.3         Tali aumenti/riduzioni di prezzo possono essere applicati esclusivamente in conseguenza di modifiche riguardanti:

  1. a) il prezzo del trasporto di passeggeri in funzione del costo del carburante o di altre fonti di energia;
  2. b) il livello di tasse o diritti sui servizi turistici inclusi nel contratto imposti da terzi non direttamente coinvolti nell’esecuzione del pacchetto, comprese le tasse di atterraggio, di sbarco ed imbarco nei porti e negli aeroporti;
  3. c) i tassi di cambio pertinenti al pacchetto;

6.4         In caso di diminuzione del prezzo, l’organizzatore ha diritto a detrarre le spese amministrative e di gestione delle pratiche effettive dal rimborso dovuto al viaggiatore, delle quali è tenuto a fornire la prova su richiesta del viaggiatore.

6.5         Qualora l’aumento del prezzo complessivo dovesse superare il 8% del prezzo originario ovvero l’organizzatore è tenuto a dover modificare in modo significativo una o più caratteristiche principali del pacchetto turistico, il viaggiatore ha la facoltà di recedere dal contratto senza penali e senza pretese. In caso di recesso, l’organizzatore può offrire al viaggiatore un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore.

6.6         Il diritto di recesso del turista deve essere esercitato, a pena di decadenza, entro e non oltre 2 giorni dalla comunicazione di variazione di cui al punto precedente. Rilevante a tal fine è il timbro postale della raccomandata ovvero la ricezione della comunicazione da parte dell’organizzatore.

6.7         Se le modifiche del contratto di pacchetto turistico o del pacchetto sostitutivo comportano un pacchetto di qualità o costo inferiore, il viaggiatore ha diritto a un’adeguata riduzione del prezzo.

6.8         In caso di recesso dal contratto di pacchetto turistico, se il viaggiatore non accetta un pacchetto sostitutivo, l’organizzatore rimborsa senza ingiustificato ritardo e in ogni caso entro 14 giorni dal recesso dal contratto i pagamenti effettuati da o per conto del viaggiatore e si applicano le disposizioni di cui all’articolo 43, commi 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8 del CdT.

6.9         Prima della partenza l‘organizzatore o l’intermediario che abbia necessità di modificare una o più prestazioni significative, previste dal contratto, ne dà immediato avviso in forma scritta al viaggiatore, indicando il tipo di modifica e la variazione del prezzo che ne consegue. Il viaggiatore entro il termine di decadenza di 2 giorni può recedere dal contratto senza corrispondere spese di recesso. In caso di recesso, l’organizzatore può offrire al viaggiatore un pacchetto sostitutivo di qualità equivalente o superiore oppure rimborsa entro 14 giorni dal recesso dal contratto i pagamenti effettuati da e per conto del viaggiatore. Il viaggiatore può esercitare i diritti sopra previsti anche quando l’annullamento/variazione dipenda dal mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti previsto nel Catalogo o nel Programma fuori catalogo o da circostanze inevitabili e straordinarie, relativi al pacchetto turistico acquistato.

6.10      L’organizzatore, qualora dopo la partenza si trovi nell’impossibilità di fornire per qualsiasi ragione, tranne che per un fatto proprio del turista, una parte essenziale dei servizi previsti nel contratto, dovrà predisporre soluzioni alternative adeguate di qualità, ove possibile, equivalente o superiore, rispetto a quelle specificate nel contratto. Ciò avviene esclusivamente se il viaggiatore ha informato l’organizzatore dei disservizi in loco.  Se le prestazioni fornite siano di valore inferiore rispetto a quelle previste, l’organizzatore concede al viaggiatore un’adeguata riduzione del prezzo, se le circostanze sono state portate a conoscenza dell’organizzatore senza ritardo. Se è impossibile offrire soluzioni alternative o il viaggiatore respinge le soluzioni alternative proposte per comprovati e giustificati motivi, l’organizzatore fornirà senza supplemento di prezzo un mezzo di trasporto equivalente a quello originario previsto per il ritorno al luogo di partenza o al diverso luogo eventualmente pattuito, compatibilmente con la disponibilità di mezzi e posti, e riconoscerà al viaggiatore una riduzione del prezzo nella misura della differenza tra il costo delle prestazioni previste e quello delle prestazioni godute fino al momento del rientro anticipato.

7             Trasferte

7.1         Sono compresi nel prezzo esclusivamente i trasferimenti elencati nel programma.

7.2         Qualora nel pacchetto è previsto anche un trasferimento in aereo, si specifica che gli orari di partenza sono indicativi e gli stessi possono essere modificati anche pochi giorni prima della partenza.

8             Recesso da parte del viaggiatore

8.1         Prima dell’inizio del viaggio il viaggiatore può in ogni momento recedere dal contratto, se paga una penale. L’importo della penale sarà quantificato sommando: la quota forfettaria individuale di gestione pratica, i premi assicurativi e le seguenti percentuali della quota di pacchetto, calcolato in base a quanti giorni prima dell’inizio del viaggio è avvenuto l’annullamento (il calcolo dei giorni non include quello del recesso, la cui comunicazione deve pervenire al più tardi in un giorno lavorativo antecedente quello dell’inizio del viaggio). Si precisa che il riferimento è sempre a giorni di calendario.

8.2         In caso di recesso da parte del viaggiatore si applicano le seguenti penali: dal giorno della prenotazione

fino al 30° giorno prima dell’inizio del viaggio: il 25% del prezzo del pacchetto

dal 29° al 15° giorno prima della partenza: il 50 % del prezzo del pacchetto

dal 14° al 4° giorno prima della partenza: il 85 % del prezzo del pacchetto

dal 3° al 1° giorno prima della partenza: il 100 % del prezzo del pacchetto

mancata presentazione: 100 % del prezzo

8.3 Recesso da un volo della classe M:

fino al 30° giorno prima dell’inizio del viaggio: 50 % del prezzo del volo

dal 29° al 1° giorno prima dell’inizio del viaggio: 100 % del prezzo del volo

mancata presentazione: 100 % del prezzo del volo

8.4 Recesso da un volo della classe L:

fino al 1° giorno prima dell’inizio del viaggio: 100 % del prezzo del volo

mancata presentazione: 100 % del prezzo del volo

8.5         Per determinate destinazioni, per particolari servizi, per i gruppi precostituiti o per determinate combinazioni di viaggio, le penali sopra riportate potranno subire variazioni anche rilevanti; ciò viene evidenziato nella descrizione del pacchetto/servizio;

8.6         Per determinati servizi turistici e non turistici le penali possono raggiungere il 100% del prezzo già al momento della proposta irrevocabile o della prenotazione / conferma da parte del tour operator; tali variazioni saranno indicate nei documenti relativi ai programmi fuori catalogo o ai viaggi su misura o a viaggi e servizi in genere;

8.7         In caso di oggettive circostanze inevitabili e straordinarie, confermate dalle Autorità competenti, verificatesi nel luogo di destinazione o nelle sue immediate vicinanze e che hanno un’incidenza sostanziale sull’esecuzione del pacchetto o sul trasporto di passeggeri verso la destinazione, il viaggiatore ha diritto di recedere dal contratto, prima dell’inizio del pacchetto, senza corrispondere spese di recesso, ed al rimborso integrale dei pagamenti effettuati per il pacchetto, ma non ha diritto a un indennizzo supplementare.

8.8         In ogni caso, nessun rimborso spetta al viaggiatore che decide di interrompere il viaggio o il soggiorno per volontà unilaterale.

8.9         COVID-19: Non sono previsti condizioni particolari di recesso diverse da quelle sopra elencati.

9             Sostituzioni

9.1         Il viaggiatore, previo preavviso dato all’organizzatore almeno sette giorni prima dell’inizio del pacchetto, può cedere il contratto di pacchetto turistico ad un’altra persona se: a) il cessionario soddisfi tutte le condizioni per la fruizione del servizio ed in particolare i requisiti relativi al passaporto, ai visti, ai certificati sanitari; b) i servizi medesimi o altri servizi in sostituzione possano essere erogati a seguito della sostituzione;

9.2         Il cedente ed il cessionario del contratto di pacchetto turistico sono solidalmente responsabili per il pagamento del saldo del prezzo e degli eventuali diritti, imposte e altri costi aggiuntivi, ivi comprese le eventuali spese amministrative e di gestione delle pratiche dovuti a causa di tale cessione.

9.3         Le spese aggiuntive per procedere alla sostituzione verranno quantificate prima della cessione.

9.4         In ogni caso il viaggiatore che richieda la variazione di un elemento relativo ad una pratica già confermata, purché la richiesta non costituisca novazione contrattuale e sempre che ne risulti possibile l’attuazione, corrisponderà al Tour Operator, oltre alle spese conseguenti alla modifica stessa, un costo fisso forfetario.

  1. Obblighi dei viaggiatori

10.1       Nel corso delle trattative e comunque prima della conclusione del contratto, al viaggiatore vengono fornite per iscritto le informazioni di carattere generale concernenti i passaporti e i visti e le formalità sanitarie necessari per l’espatrio.

10.2       Per le norme relative all’espatrio dei minori si rimanda espressamente a quanto indicato nel sito della Polizia di Stato. Si precisa comunque che i minori devono essere in possesso di un documento personale valido per l’espatrio ovvero passaporto, o per i Paesi UE, anche di carta di identità valida per l’espatrio. Per quanto riguarda l’espatrio dei minori di anni 14 e l’espatrio di minori per i quali è necessaria l’Autorizzazione emessa dalla Autorità Giudiziaria, dovranno essere seguite le prescrizioni indicate sul sito della Polizia di Stato http://www.poliziadistato.it/articolo/191/.

10.3       I viaggiatori sono obbligati a reperire comunque le corrispondenti informazioni per l’espatrio attraverso le loro rappresentanze diplomatiche e/o i rispettivi canali informativi governativi ufficiali. In ogni caso i viaggiatori provvederanno, prima della partenza, a verificarne l’aggiornamento presso le competenti Autorità (per i cittadini italiani le locali Questure ovvero il Ministero degli Affari Esteri tramite il sito www.viaggiaresicuri.it ovvero la Centrale Operativa Telefonica al numero 06.491115) adeguandovisi prima del viaggio. In assenza di prova di tale verifica, nessuna responsabilità per la mancata partenza di uno o più viaggiatori potrà essere imputata all’Agenzia venditrice o all’organizzatore.

10.4       I viaggiatori devono in ogni caso informare il venditore e l’organizzatore della propria cittadinanza al momento della richiesta di prenotazione del pacchetto turistico o servizio turistico e, al momento della partenza dovranno accertarsi definitivamente di essere muniti dei certificati di vaccinazione, del passaporto individuale e di ogni altro documento valido per tutti i Paesi toccati dall’itinerario, nonché dei visti di soggiorno, di transito e dei certificati sanitari che fossero eventualmente richiesti.

10.5       Inoltre, al fine di valutare la situazione di sicurezza socio\politica, sanitaria e ogni altra informazione utile relativa ai Paesi di destinazione e, dunque, l’utilizzabilità oggettiva dei servizi acquistati o da acquistare, il viaggiatore avrà l’onere di assumere le informazioni ufficiali di carattere generale presso il Ministero Affari Esteri, e divulgate attraverso il sito istituzionale della Farnesina www.viaggiaresicuri.it.

Le informazioni di cui sopra non sono contenute nei cataloghi – online o cartacei – poiché essi contengono informazioni descrittive di carattere generale per come indicate nell’opuscolo informativo e non informazioni temporalmente mutevoli. Le stesse, pertanto, dovranno essere assunte a cura dei viaggiatori. I viaggiatori dovranno, inoltre, attenersi all’osservanza delle regole di normale prudenza e diligenza ed a quelle specifiche in vigore nei paesi destinazione del viaggio, a tutte le informazioni fornite loro dall’organizzatore, nonché ai regolamenti e alle disposizioni amministrative o legislative relative al pacchetto turistico. I viaggiatori saranno chiamati a rispondere di tutti i danni che l’organizzatore e/o del venditore dovessero subire anche a causa del mancato rispetto degli obblighi sopra indicati, ivi incluse le spese necessarie al loro rimpatrio.

10.6       Il viaggiatore è tenuto a fornire all’organizzatore tutti i documenti, le informazioni e gli elementi in suo possesso utili per l’esercizio del diritto di surroga di quest’ultimo nei confronti dei terzi responsabili del danno ed è responsabile verso l’organizzatore del pregiudizio arrecato al mancato diritto di surrogazione.

10.7       A causa della pandemia COVID potrebbe essere richiesta per l’entrata nelle varie destinazioni e regioni italiane una documentazione ulteriore alla sola carta d’identità come p.es. test anticovid registrazioni ecc.). La mancanza di tale documentazione ed obblighi non da diritto al recesso del Viaggiatore. Al momento della stampa non si conoscono i vari provvedimenti.  Il Viaggiatore viene tempestivamente informato al riguardo dall’organizzatore ovvero dall’agenzia viaggi. Il Viaggiatore deve procurarsi la relativa documentazione a proprio rischio e spese.

11          Responsabilità del venditore (Artt. 50 – 51 quarter CdT)

11.1       Il Venditore è responsabile dell’esecuzione del mandato conferitogli dal viaggiatore con il contratto di intermediazione di viaggio.

11.2       Il Venditore non è responsabile degli errori di prenotazione dovuto al comportamento colposo del viaggiatore o dovuti a circostanze inevitabili e straordinarie.

11.3       Il diritto del viaggiatore al risarcimento dei danni collegati alla responsabilità del Venditore si prescrive in due anni a decorrere dalla data del rientro del viaggiatore nel luogo di partenza.

12          Assicurazione contro le spese di annullamento e di rimpatrio

12.1       Se non espressamente compreso nel prezzo, è possibile e consigliabile stipulare, al momento della prenotazione presso gli uffici dell’organizzatore o del venditore, speciali polizze assicurative contro le spese derivanti dall’annullamento del pacchetto, dagli infortuni e/o malattie che coprano anche le spese di rimpatrio e dalla perdita e/o danneggiamento del bagaglio.

12.2       Viene consigliata la stipulazione di un’assicurazione che copre le spese di annullamento a causa di una infezione COVID-19 o di una quarantena prescritta.

13          Recesso da parte dell’organizzatore di viaggio

L’organizzatore può recedere dal contratto di pacchetto turistico e offrire al viaggiatore il rimborso integrale/parziale dei pagamenti effettuati per il pacchetto, ma non è tenuto a versare un indennizzo supplementare se:

  1. il numero di persone iscritte al pacchetto è inferiore al minimo previsto dal programma
  2. l’organizzatore non è in grado di eseguire il contratto a causa di circostanze inevitabili e straordinarie e comunica il recesso dal medesimo al viaggiatore senza ingiustificato ritardo prima dell’inizio del pacchetto
  3. il viaggiatore nonostante una regolare diffida verbale si comporta in modo da disturbare il sereno svolgimento del viaggio, ovvero non ottemperi agli obblighi previsti dal contratto. Eventuali costi aggiuntivi per il rientro sono a carico del viaggiatore

14          Limiti del Risarcimento

Il contratto di pacchetto turistico può prevedere la limitazione del risarcimento dovuto dall’organizzatore, salvo che per i danni alla persona o quelli causati intenzionalmente o per colpa grave, purché tale limitazione non sia inferiore al triplo del prezzo totale del pacchetto.

Il diritto al risarcimento dei danni alla persona si prescrive in tre anni a decorrere dalla data del rientro del viaggiatore nel luogo di partenza o nel più lungo periodo previsto per il risarcimento del danno alla persona dalle disposizioni che regolano i servizi compresi nel pacchetto. Inoltre, si decade dal diritto se non vengono rispettati i termini di decadenza per denunciare i disservizi (vedi 15.3)

15          Responsabilità/risarcimento

15.1       L’organizzatore risponde dei danni arrecati al turista a causa dell’inadempimento totale o parziale delle prestazioni contrattualmente dovute, sia che le stesse vengano effettuate da lui personalmente che da terzi fornitori dei servizi, a meno che l’evento è causato anche in parte  da fatto del turista (ivi comprese iniziative autonomamente assunte da quest’ultimo nel corso dell’esecuzione dei servizi turistici) o dal fatto di un terzo a carattere imprevedibile o inevitabile, da circostanze estranee alla fornitura delle prestazioni previste in contratto, da caso fortuito, da forza maggiore, ovvero da circostanze che lo stesso organizzatore non poteva, secondo la diligenza professionale, ragionevolmente prevedere o risolvere.

I risarcimenti di cui agli artt. 44, 45 e 47 del Cod. Tur. e relativi termini di prescrizione, sono disciplinati da quanto ivi previsto e comunque nei limiti stabiliti dalla C.C.V., dalle Convenzioni Internazionali che disciplinano le prestazioni che formano oggetto del pacchetto turistico nonché dagli articoli 1783 e 1784 del codice civile.

15.2       L’organizzatore non risponde per le prestazioni ed escursioni acquistate dal viaggiatore in loco e non comprese nel programma di viaggio; ciò anche qualora il proprio personale in loco sia stato di aiuto per la scelta e la prenotazione di tali prestazioni ovvero escursioni.

15.3       Il viaggiatore deve informare immediatamente l’Organizzatore, direttamente o tramite il venditore, su eventuali difetti di conformità rilevati durante l’esecuzione di un servizio turistico previsto dal contratto di pacchetto turistico. In caso contrario nessun risarcimento del danno può essere preteso. In ogni caso il reclamo di eventuali disservizi durante il viaggio, immediatamente comunicato, deve essere presentato in forma scritta al più tardi entro il termine di decadenza di 7 giorni dalla data di rientro.

16          Possibilità di contattare l’organizzatore tramite il venditore (Art. 44 CdT)

16.1       Il Viaggiatore può indirizzare messaggi, richieste o reclami relativi all’esecuzione del pacchetto direttamente al Venditore tramite il quale l’ha acquistato, il quale, a propria volta, inoltra tempestivamente tali messaggi, richieste o reclami all’Organizzatore.

16.2       Ai fini del rispetto dei termini o dei periodi di prescrizione, la data in cui il venditore riceve messaggi, richieste o reclami di cui al comma 1 è considerata la data di ricezione anche per l’Organizzatore.

17          Obbligo di Assistenza (Art. 45 CdT)

17.1       L’Organizzatore presta adeguata assistenza senza ritardo al viaggiatore che si trova in difficoltà anche nelle circostanze di cui all’articolo 42, comma 7 CdT, in particolare fornendo le opportune informazioni riguardo ai servizi sanitari, alle autorità locali e all’assistenza consolare e assistendo il viaggiatore nell’effettuare comunicazioni a distanza e aiutandolo a trovare servizi turistici alternativi.

17.2       L’organizzatore può pretendere il pagamento di un costo ragionevole per tale assistenza qualora il problema sia causato intenzionalmente dal viaggiatore o per sua colpa, nei limiti delle spese effettivamente sostenute.

18          Modifiche operative

In considerazione del largo anticipo con cui vengono pubblicati i cataloghi che riportano le informazioni relative alle modalità di fruizione dei servizi, si rende noto che gli orari e le tratte dei voli indicati nella accettazione della proposta di compravendita dei servizi possono subire variazioni poiché soggetti a successiva convalida. A tal fine il viaggiatore è obbligato a chiedere conferma dei servizi alla propria Agenzia di Viaggi prima della partenza. L’Organizzatore informerà i passeggeri circa l’identità del vettore effettivo nei tempi e con le modalità perviste dall’art. 11 del Reg. CE 2111/2005. Al Viaggiatore non spetta il diritto di recesso per cambio vettore e/o rotta di volo, in quanto considerate non essenziali e comunque non ritenute rilevante per la scelta del pacchetto turistico.

19          Informativa sul trattamento dei dati personali

Ai sensi dell’art. 13 del D. Lgs. 196/2003 (“Codice Privacy”) e dell’art. 13 del Regolamento (UE) 2016/679, recante disposizioni a tutela delle persone e di altri soggetti rispetto al trattamento dei dati personali, desideriamo informarLa che i dati personali da Lei forniti formeranno oggetto di trattamento nel rispetto della normativa sopra richiamata e degli obblighi di riservatezza cui è tenuta la scrivente società.

 

19.1       Finalità del trattamento:

  1. a) finalità relativa alla prestazione contrattuale: I dati personali dei viaggiatori, il cui conferimento è necessario per permettere la conclusione e l’esecuzione del contratto di viaggio, saranno trattati in forma manuale e/o elettronica nel rispetto della normativa vigente. L’eventuale rifiuto comporterà l’impossibilità di perfezionamento e conseguente esecuzione del contratto.
  2. b) finalità di legge
  3. c) finalità legate al business e statistiche: per elaborare in forma anonima statistiche e ricerche di mercato
  4. d) finalità di marketing: potrà avvenire solo con il Suo consenso

19.2       categorie di destinatari dei dati personali:

  1. a) personale interno
  2. b) fornitori di servizi turistici inclusi nei pacchetti venduti, o che prestino quelli collegati o singoli acquistati
  3. c) compagnie di assicurazione
  4. d) persone, società, associazioni o studi professionali che prestino servizio a attività di assistenza e consulenza a favore del T.O. / ADV al fine di tutelare un proprio diritto (ad esempio: commercialisti, avvocati, etc.)

19.3       trasferimento dei dati personali al di fuori dell’Unione Europea

I Suoi dati potranno essere trasferiti all’estero a società terze appartenenti o meno all’Unione Europea, sempre per le finalità indicati nel punto 19.1. Tali paesi garantiranno un livello di protezione adeguato sulla base di una specifica decisione della Commissione Europea.

19.4       conservazione dei dati personali

I dati personali saranno conservati per 10 anni al termine dei quali saranno cancellati.

19.5       Diritti dell’interessato

Lei ha il diritto di chiedere l’accesso ai Suoi dati personali ed alle informazioni relative agli stessi in un formato leggibile e strutturato, la rettifica dei dati inesatti o l’integrazione di quelli incompleti e la cancellazione. Se il trattamento sia basato sul Suo consenso per una specifica finalità, può revocare il consenso in qualsiasi momento. In fine può proporre reclamo a un’autorità di controllo (www.garanteprivacy.it).

Per ogni più ampia informazione sul trattamento dei dati e sull’esercizio dei diritti dei viaggiatori può scrivere all’indirizzo e-mail: privacy@atd-bz.com

20          Protezione del Viaggiatore (Art. 47 CdT)

20.1       L’organizzatore e il venditore stabiliti sul territorio nazionale sono coperti da contratto di assicurazione per la responsabilità civile a favore del viaggiatore per il risarcimento dei danni derivanti dalla violazione dei rispettivi obblighi assunti con i rispettivi contratti.

20.2       I contratti di organizzazione di pacchetto turistico sono assistiti da idonee garanzie, che, per i viaggi all’estero e i viaggi che si svolgono all’interno di un singolo Paese, ivi compresi i viaggi in Italia, nei casi di insolvenza o fallimento dell’organizzatore o del venditore garantiscono, senza ritardo su richiesta del viaggiatore, il rimborso del prezzo versato per l’acquisto del pacchetto e il rientro immediato del viaggiatore nel caso in cui il pacchetto include il trasporto del viaggiatore, nonché, se necessario, il pagamento del vitto e dell’alloggio prima del rientro. Gli estremi della polizza sono indicati nel contratto di viaggio, nel catalogo e nelle informazioni precontrattuali.

21          Fonti normative

La vendita di pacchetti turistici, che abbiano ad oggetto servizi da fornire in territorio sia nazionale sia internazionale, è disciplinata dagli artt. 32-51 novies del D. Lgs. n. 79 del 23 maggio 2011 (cd. “Codice del Turismo” – CdT), come attualmente modificato dal D. Lgs. n. 62 del 06.06.2018 di attuazione della Direttiva UE n. 2015/2302, nonché dalle disposizioni del Codice Civile in tema di trasporto, appalto di servizi e mandato, in quanto applicabili, e dal Codice della Navigazione (R.D. n. 327 del 30.03.1942).

22          Comunicazione obbligatoria ai sensi dell’articolo 17 della legge n. 38/2006

La legge italiana punisce con la reclusione i reati concernenti la prostituzione e la pornografia minorile, anche se commessi all’estero.

23          Legge applicabile

Il presente rapporto è disciplinato dalla legge italiana.